lunedì 13 ottobre 2008

Sorvoliamo

Sorvoliamo sul fatto che sabato ho preso parte all'ennesima litigata con l'arpia, ma con stavolta l'aggiunta del marito che la spalleggiava. Sorvoliamo sul fatto che ho pianto due ore di fila perchè mi accsavano di cose non vere. Sorvoliamo il fatto che avevo due occhi che sembravano due enormi pomodori (sia per la forma che per il colore). Sorvoliamo sul fatto cheda allora mi girano le palle ininterrottamente... e passiamo ad altro.
Sabato sera sono uscita con Orange, una simpatica ragazza italiana che abita a Parigi da un anno e mezzo. Avevamo deciso di incontrarci alle 19:30 alla fermata della metro che si chiama Edgar Quinet, ma il destino ultimamente non mi è molto amico, e ha fatto si' che i treni per andare a Parigi fossero tutti "dirottati" verso una stazione a nord di Parigi per "lavori in corso". Sono arrivata con appena un'oretta di ritardo... Comunque, Orange è una ragazza simpatica davvero, e parlando (mentre camminavamo per cercare una creperie con due posti liberi) mi sono resa conto che abbiamo molti punti in comune :) Comunque, Orange, non appena leggi che ho trovato casa, ricordami di quella torta che ti devo!
Al ritorno mi sono un po' sconvolta... Sia perchè una ragazza è stata derubata in metro e l'ho vista correre dietro a due bambini gridando "al ladro! al ladro", poi arrivata alla stazione ho trovato due bande che litigavano, li ho sorpassati e poi sono saliti sul mio treno (uno teneva la mano destra dietro la schiena, che teneva non oso immaginare cosa...). Arrivata alla stazione vicino casa, mi son fatta tutta la strada a piedi. 40 minuti buoni di marcia spedita perchè avevo paura. A metà strada mi ferma un magrebino, aveva una valigia e una mano la teneva in tasca... Io nella tasca del cappotto c'avevo il cellulare, l'ho aperto e ho composto il 911... non si sa mai... Insomma, alla fine voleva sapere se a quell'ora di notte (mezzanotte e mezza) conoscevo un posto dove vendono le sigarette... Roba da matti... Per fortuna sono arrivata a casa sana e salva...
La domenica l'ho passata da sola a casa tutto il giorno. Ovviamente mi avevano di nuovo nascosto il cavo di internet, e dopo che sono usciti volevo andare a comprarlo nuovo, ma il supermercato era chiuso.
Tutto sommato la domenica l'ho passata a guardare la tv e a riposarmi. Stamani invece avevo lezione, quindi mi sono dovuta fiondare in facoltà. Pure stamani, come ogno lunedi' che si rispetti, c'era il belloccione con cui ho lezione il lunedi'. Figuriamoci che solo ieri mi sono resa conto di non sapere come si chiama, e quindi gliel'ho chiesto. Come al solito avrete solo l'iniziale: C. Poi come al solito, ci siamo messi accanto a sedere e alla fine ci siamo salutati dato che ci incrociamo diverse volte durante la settimana (io che esco dalla metro, lui che entra; lui che va in facoltà, io che esco). Poi oggi ho pure scoperto che come me, lui vorrebbe diventare scrittore... Per eventuali sviluppi, vi tengo informati ;)
ntanto me ne vado all'air france a posticipare il rientro a firenze... Ma prima passo da Starbucks, anche se è nella diezione opposta non me ne frega... Ho un bisogno urgente di caffeina XD

4 commenti:

imp.bianco ha detto...

Son veramente dei bastardi i tuoi padroni di casa, ma veramente tanto... dovrebbero vergognarsi per quel che ti hanno fatto. Spero trovi presto casa così va via da quel luogo di inferno. Sono contento che almeno ti sei fatta un'amica... devo andare a vedere il blog di questa ragazza se ne ha uno XD Poi... il 911... cara Viola... è il numero della polizia, si... ma negli USA non in Francia! :P Altra cosa... Parigi è pericolosa dovresti stare attenta... anch'io quando sono andato a Milano a marzo... e sono rientrato tardi... un po' apprensione c'è l'avevo... sei in un posto nuovo, sconosciuto... quindi è normale... :P

X-Bye

Valberici ha detto...

Quoto Imp riguardo ai padroni di casa...se non ti volevano dovevano dirlo subito chiaramente. :(

E riguardo alla pericolosità di Parigi...in effetti alcune zone periferiche non sono molto sicure, spero che tu trovi presto un posto letto un po' più vicino all' università.
In ogni caso "chi non risica non rosica" ;)z

Thirrin ha detto...

sai già cosa ne penso delle "persone" che ti ospitano (le virgolette non sono casuali)... e ti ho già augurato un milione di volte di trovare presto una bella casa accogliente con una ragazza a posto. Ma tanto sono sicura che la cosa accadrà presto, me lo sento.

Hai passato una bella serata con Orange e questo è il primo passo verso un successo assicurato di vita sociale parisienne ;)

Il belloccione non fartelo scappare, tesora, specie se scrive. Gli hai detto che stai pubblicando un libro?? coff, coff, con la sottoscritta, ovvio!

ci sentiamo presto. un mega bacione e un abbraccio super circolare :*

cabo00 ha detto...

ma sti francesi...sopprimiamo questa razza di cattivi...
ops.....io nn conto vero?:)

 

Copyright © 2010

Violite Acuta
| Blogger Templates by Splashy Templates | Free PSD Design by Amuki